Annamaria Franzoni

Ormai sono nove anni e sette mesi che si è verificato quel delitto, avvenimento molto seguito dalle televisioni, per lungo tempo, le indagini, le opinioni, i commenti degli esperti, gli avvocati e i comportamenti dei protagonisti, a quei tempi era tutto, nel suo aspetto macabro, interessante e curioso.
La storia degli avvenimenti in realtà non l’ho seguita con attenzione, dato che un’avvenimento del genere mi è incomprensibile, quindi mi sono estraneato dal seguirlo, ma facendo il solito bookcrossing, mi è capitato casualmente il libro che Annamaria Frazoni, la madre e unica indacata dell’avvenimento.
Il delitto si è svolto il 30 gennaio 2002, nella casa di Cogne, paese diventato famoso proprio per il delitto, nel libro, raccontato dalla madre venivano descritti gli avvenimenti di quanto era successo, secondo come li aveva visti e percepiti dalla scrittrice, Annamaria, appunto, la cosa che ho notato leggendo quanto scriveva era il tentativo di descrivere in modo artigianale, una vita familiare felice e senza ombre, ma solo alcune parti del racconto mostravano alcuni avvenimenti, e alcune osservazioni sulle percezioni esterne alla scrittrice che sono veramente dubbiose, il fatto che la madre insiste sul fatto di descrivere la presunta incredulità della grave situazine del figlio, insistendo che in realtà il suo cranio fosse scoppiato, insistendo in maniera quasi maniacale su mille descrizioni fantasiose sull’accaduto, quasi un tremolio mentale che rimuoveva quello che stava succedendo, “Rimozione crepuscolare” o qualche cosa del genere, non era la prima volta che gli succedeva; poi il resto del libro continua a descrivere alcuni avvenimenti successivi al delitto, ma la maggior parte della descrizione tentava di descrivere una famiglia rispettabile e rispettata, ma quei piccoli terremoti nella sua testa erano veramente strani, cosa che non è rimasta inosservata, tanto che poi è stata arrestata per l’assasinio di suo figlio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: