La fede e la ragione

La fede.
Chi ha più se stesso, chi ha più in mano se stesso, chi si possiede di più, chi è più unito nell’organismo del suo io, chi è più unito, la persona in cui tutte le cose sono a posto, fa molto meno fatica a capire se fidarsi dell’altro o no; chi invece è patologico non si fida mai di nessuno, non riesce a fidarsi più di niente, si taglia via dalla vita. I casi possono avere migliaia di gradazioni, migliaia di gradi di gravità, ma sono tutti lo stesso: si taglia via dai nessi della vita.
Nella fede la ragione è impegnata in modo molto più ricco e potente che in tutti gli altri modi. Perché tutti gli altri modi sono parziali, riguardano un tipo di oggetto: un uomo che sappia tutto sulla mosca e faccia sulla mosca un librone di 1500 pagine descrivendo tutte le qualità di mosche, Premio Nobel per la scienza, e di sua moglie non capisce un’acca, e i suoi figli lo odiano tanto li tratta male, è un pover’uomo, non un Premio Nobel, perché sua moglie e i suoi figli hanno bisogno di una ragione naturalmente completa e in pace: lui è acutissimo in un segmento della realtà, un segmento, tra l’altro, sufficentemente piccolo della realtà, che è la mosca, il fenomeno mosca: su questo sa tutto, ma non sa niente del suo destino né della situazione altrui. È un povero disgraziato, pur essendo un Premio Nobel.
Come quel professore di chimica di cui sempre parlo che, tantissimi anni fa, in una discussione tra docenti universitari, a un certo punto è entrato a bruciapelo nella discussione dicendo: “Guardate, se io non avessi la chimica mi ucciderei”. Aveva moglie e figli: più disumano di questo non c’è niente. Non può essere ragionevole, eppure era un grande chimico.
Mia madre non era una grande chimica, non aveva studiato chimica, ma come trattava mio padre con tutte le sue caratteristiche, come trattava noi figli…..
Dio mio, come vorrei essere io così! Quella era una donna intelligente di tutto quello che capitava in casa; ed era una donna intelligente per come parlava di quello che sentiva dire dai giornali.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: