In cucina ho vinto la depressione

Nigella Lawson, è la regina del sexy cibo in tv, ha sposato Charles Saatchi e ispirato Tim Burton.
Mentre il cuoco prepara la crema di cioccolato, lei affonda il dito nella crema e con modo sexy, la assaggia con voluttà e uno sguardo quasi folle e sinistro, questo atteggiamento è stato notato da Tim Burton, e ha costretto Anne Hathawary a studiarlo in modo scrupoloso, per interpretate un personaggio di “Alice in Wondreland”.
Nigella ha tutte le carte in regola per essere un’icona, bruna, con le sue forme rotonde, i suoi modi di fare sono eleganti, sia quando prepara una torta o che tagli dei ramo di un’albero, ma le sue effusioni orali fanno sognare i suoi uditori, anche quando spiega come fare una semplice minestra, lo fa sempre alludendo a qualche cosa d’altro, tanto che il suo stile è stato soprannominato, porno food.
Tutta colpa di quel modo di fare, di ammiccare durante la preparazione dei piatti, considerato da molti critico troppo flirty, ammiccante.
Nigella, si è laureata in scenze medicali, nel 92 si sposa e ha due figli con il suo primo marito, ma poi lui si ammala di cancro, lei cade in depressione e si chiude in un lungo silenzio per nove mesi, fino a quando conosce Charles Saatchi, che sposa nel 2003, e da allora sono considerati le coppia più glamour d’Inghilterra.
Uno dei modi per cercare di scappare dalla depressione è quello di darsi da fare, cercare qualche cosa che possa darci qualche soddisfazione o compensare quel disagio, anche se tutti sanno che per uscirne, quasi mai una persona riesce a farlo da solo, ma deve essere trascinato fuori da qualcuno, di solito capita cosi, ma alcuni modi per cercare di darsi una mano è quella di impegnarsi in qualche cosa, una attività fisica che piace e da soddisfazione, realizzare un progetto concreto, fare scopping, o cercare dei carissimi amici, i modi per provare un certo grado di soddisfazione possono essere molto soggettivi, uno molto comune, apparte il sesso, è il cibo, mangiare è una cosa gradevole e regala un certo grado di soddisfazione, mettendo in circolo delle sostanze che fanno sentire bene la persona depressa, come passare qualche ora con un carissimo amico e ridere con lui di tutto, queste attività fanno sentire bene, ma come tutte le cose devono essere usate nel modo corretto per essere veramente utili, mangiare dà soddisfazione, ma deve essere fatto con criterio, non basta ingurgitare tutto quello che ti passa sotto al muso, come il cibo spazzatura, ma fatto con una certa moderazione, la cosa che più conta in questo particolare tipo di terapia è quello di andare al supermercato a comprare il mangiare, tornare a casa e cucinarselo, solo cosi la terapia sarà completa, solo cosi alla fine si proverà la vera soddisfazione, anche se non si ha mangiato molto, solo cosi, la terapia funziona, mentre se si ingoia solo, non funziona molto, perché non si è fatta la fatica di mettersi in gioco.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: