Nucleare, falsi miti

Si afferma spesso che la Francia, grazie al nucleare, è energeticamente indipendente, ma non è vero!, si sostiane che disponga di energia elettrica a basso costo, ma non è vero!, con le sue 58 centrali nucleari importa più petrolio dell’Italia. È vero che importa il quaranta percento di gas in meno, ma è vero che è costretta a importare uranio. Il nucleare non è il toccasana per risolvere il problema energetico, la Francia con i suoi 58 impianti, è costretta importare energia elettrica. Le quattro centrali nucleari che vorrebbero costruire in Italia costerebbero dai 12 ai 15 miliardi, ma la costruzione di un impianto nucleare in Finlandia è stata un’impresa disastrosa, la consegna doveva essere nel settembre del 2009, al costo di 3 miliardi, i lavori sono in ritardo di 3,5 anni, con un costo aumentato di 1,7 miliardi. La Francia e la Finlandia hanno chiesto drastiche modifiche del sistema di controllo del reattore, cosa che comporterà altre spese e ritardi, il problema non è di facile soluzione.
Le centrali nucleari non costano solo in sede di progetto, costruzione e mantenimento, ma hanno pesanti costi nello smaltimento delle scorie radioattive e nella bonifica della centrale.
Lo smaltimento delle scorie richiede almeno decine di migliaia di anni, di giacenza per permettere al materiale radioattivo di abbattere la sua carica, problema che neanche gli Usa sono stati in grado di risolvere; lo smaltimento della centrale nucleare a fine ciclo è molto complessa e rischiosa, cosa che viene rimandata di 100 anni, in attesa che la radioattività diminuisca e che lo sviluppo tecnologico renda più facile quell’ operazione.
Il rientro del nucleare, quindi, è un’ avventura piena di incognite.
I tempi per l’intero ciclo nucleare sono: 3-5 anni per il rilascio dei permessi di costruzione e dell’individuazione dei siti; 5-10 anni per la costruzione della centrale nucleare; 40-60 anni per il periodo di funzionamento per ammortizzare gli impianti; 100 anni per lo smantellamento dell’impianto; decine di migliaia di anni per permettere l’abbattimento del potere radioattivo delle scorie.
Il nucleare è una scommessa con il futuro che ha un rischio difficilmente valutabile in termini economici e sociali.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: