La decisione

Il Cosmico arrivò a casa, aprì la porta e la richiuse, la Principessa era seduta sulla poltrona, immobile, con i suoi capelli lungni, nella stanza semi buia, guardava la televisione che era spenta, solo con gli occhi seguiva i movimenti di lui, cosi con calma si misa a sedere al suo fianco, e gli disse cosa gli era successo.
“Sai cara, oggi mi è successa una cosa strana, una persona che conoscevo di vista mi ha invitato a visitare un signore che non avevo mai visto”, lei rimase ancora impassibile a quanto diceva, “Cosi sono andato, non mi sono sentito di dirgli di no, arrivati da questo mi ha fatto sedere, un’uomo anziano, di buone maniere, sembra, mi ha fatto una proposta bellissima, una proposta per il futuro, cose interessanti, grandi cose, mi ha proposto lo studio profetico, premonizioni, contatti exrasensoriali, incontri del terzo e quinto tipo, divinazioni, contatti con il futuro e il passato, di tutto di più, non ho mai avuto una proposta del genere, mi sento tutto gasato al solo pensiero”, “Chi è?, uno dei tuoi soliti amichetti?”, alzatosi di scatto, il Cosmico roteando le braccia in modo vorticoso, “Io, noi, non possiamo tarpare le ali al futuro, al mio futuro di uomo importante, acclamato per le sue divinazioni, le mie premonizioni, le nostre notizie spaziali”, “Ma che dici?, ancora oggi me la ricordo quella del Profumo del bene e del male, bella stonzata!”, “Io in nome di tutti i flutti, non ti permetto di parlare in questo moto, delle mie scelte, io l’eletto!, io il supremo!, io il magnifico!, con l’ampollina del bene e del male, sono diventato il prescelto, il segno del profumo sul mio polso ha attirato tutti i raggi ancestrali su di me e questi mi hanno dato la forza di andare avanti nella divinazione delle pietre, quando mi sono accorto che le onde erano troppe su di me, per scaricarne un po’, ho creato un Gate su di me, ho fatto un segno con l’ampolla sul mio calcagno, cosi quando cammino le onde defluiscono dal mio corpo, ricreando l’equilibrio”, “Vai a zappare!”, il Cosmico a questa frase della principessa fermò di colpo le braccia, “Fermi tutti!, in questa casa dobbiamo ricreare la senzazione della calma, concentriamoci, che la calma sia con noi!”, tutti e due rimasero immobili per qualche minuto, fino a quando in Cosmico si convinse che le calma si era ristabilita, poi ricominciò, “Quel signore ci ha proposto di andare a vivere con lui, mi fa lavorare, avremo il nostro alloggio e tutto quello che ci serve”, visto che erano abbituati a continui spostamenti e case non sempre comode o lussuose, e visto che dovevano anche pensare a questioni economiche, dato che non viaggiavano nell’oro, la Principessa accetto a malin’cuore, senza sapere altro, rassegnata a quella relazione un’ po’ particolare.
Prepararono le valige e andarono.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: