Riforma protestante

L’insieme dei movimenti religiosi che, nel XVI secolo, provocarono le fratture della cristianità, dando vita alle Chiese protestanti. Assieme al movimento culturale del Rinascimento, questa storica trasformazione nel modo di intendere e vivere l’esperienza religiosa si colloca agli albori della storia moderna dell’Occidente. Benché la Riforma avesse avuto inizio nel XVI secolo, quando Martin Lutero sfidò l’autorità della Chiesa, prepararono il terreno alla sua comparsa eventi di carattere politico, economico e culturale risalenti ai secoli precedenti.
Le origini della Riforma

Dalla rinascita del Sacro romano impero con Ottone I di Sassonia nel 962, papi e imperatori vennero coinvolti in una continua lotta per la supremazia, che condusse a una generale vittoria del papato ma creò un aspro antagonismo tra Roma e l’impero germanico, aggravato nei secoli XIV e XV con l’ulteriore sviluppo del sentimento nazionalista tedesco; lo scontento per le richieste economiche del clero e per la sottomissione a un papato straniero e lontano si manifestò in numerosi paesi europei.
Nel XIV secolo il riformatore inglese John Wycliffe aveva attaccato direttamente il papato, criticando la vendita delle indulgenze, i pellegrinaggi, il culto smodato dei santi e la statura morale e culturale dei sacerdoti. Per raggiungere la gente comune tradusse la Bibbia in inglese e predicò in questa lingua invece che in latino. Il suo insegnamento si diffuse in Boemia dove trovò un forte sostenitore in Jan Hus; l’esecuzione di quest’ultimo come eretico nel 1415 portò alle guerre hussite, espressione violenta del nazionalismo boemo, che anticiparono la guerra civile religiosa tedesca dei tempi di Lutero. In Francia un concordato del 1516 estese il controllo del sovrano sulla Chiesa francese.
Fino dal XIII secolo venalità, immoralità e ignoranza del clero avevano reso vulnerabile la gerarchia ecclesiastica. I vasti possedimenti ecclesiastici di terreni esenti da tasse (forse un quinto o addirittura un terzo dei terreni europei) suscitarono l’invidia dei contadini che possedevano poca terra. La cosiddetta “cattività avignonese” dei papi e il Grande scisma avevano gravemente minato l’autorità della Chiesa e l’avevano divisa tra sostenitori dell’uno o dell’altro papa. Le autorità ecclesiastiche riconoscevano la necessità di una riforma, che venne discussa al concilio di Costanza dal 1414 al 1418, senza però determinare mutamenti decisivi.
L’umanesimo, la rinascita della cultura classica e dell’indagine speculativa che ebbe inizio in Italia nel XV secolo, soppiantò lo strapotere della filosofia scolastica nelle università e nelle istituzioni culturali europee privando le autorità ecclesiastiche del monopolio culturale. L’invenzione della stampa a caratteri mobili accrebbe notevolmente la circolazione di libri e idee in Europa. Umanisti non italiani, come Erasmo da Rotterdam in Olanda, Tommaso Moro in Inghilterra, Johann Reuchlin in Germania e Jacques Lefèvre d’Etaples in Francia, applicarono il nuovo sapere a una riflessione sulla Chiesa e a fondare nuovi stili di esegesi delle Scritture.
Nascita della Riforma
La rivoluzione protestante iniziò in Germania quando Martin Lutero, nel 1517, pubblicò le sue 95 tesi schierandosi contro la pratica delle indulgenze.
Movimenti nazionali. La Germania e la Riforma luterana
Le autorità papali ordinarono a Lutero di ritrattare e di sottomettersi all’autorità della Chiesa, ma egli divenne più intransigente, reclamò la riforma, attaccò il sistema dei sacramenti, affermò che la religione si fonda sulla fede individuale, illuminata e alimentata dalla Bibbia. Minacciato di scomunica dal papa, Lutero bruciò pubblicamente la bolla di scomunica e con essa un libro di diritto canonico: questo atto di sfida simboleggiava una rottura definitiva con l’istituzione ecclesiastica. Nel tentativo di arginare l’ondata di rivolta l’imperatore Carlo V, nel 1521, convocò Lutero dinnanzi alla Dieta di Worms, ordinandogli di ritrattare. Questi rifiutò e venne dichiarato fuorilegge. Per quasi un anno visse nascosto nel castello di Wartburg, sotto la protezione del principe elettore Federico il Savio, stilando opuscoli che esponevano i suoi principi e traducendo il Nuovo Testamento in tedesco. Benché i suoi scritti fossero stati proibiti per editto imperiale, essi venivano venduti pubblicamente, rivelandosi così un potente strumento di propaganda che trasformò le grandi città tedesche in centri di diffusione del luteranesimo.
Il movimento si diffuse rapidamente tra la popolazione e, quando Lutero lasciò il suo ritiro, tornò a Wittenberg come un rivoluzionario. La Germania era pertanto divisa da confini religiosi, oltre che economici. I più interessati al mantenimento dell’ordine tradizionale (tra questi l’imperatore, la maggior parte dei principi e l’alto clero) difendevano la Chiesa cattolica, mentre il luteranesimo era sostenuto dai principi tedeschi del Nord, dal basso clero, dai commercianti e da buona parte dei contadini, che accoglievano il cambiamento come occasione per una maggiore indipendenza sia nella sfera economica sia in quella religiosa.
Lo scontro aperto tra le due fazioni esplose nel 1524 con l’inizio della guerra dei contadini, fondamentalmente un tentativo compiuto da questi ultimi per migliorare le loro condizioni economiche. Il loro programma, ispirato all’insegnamento di Lutero e formulato in termini religiosi, reclamava la liberazione da una serie di servizi pretesi dai loro signori, ecclesiastici e laici. Lutero disapprovò l’utilizzo delle istanze di riforma religiosa al fine di giustificare la modifica radicale dell’economia esistente, esortò comunque i signori a soddisfare le richieste nell’interesse di una soluzione pacifica del conflitto. Si volse, però, presto contro i contadini e, in un opuscolo del 1525, condannò fermamente la nuova ondata di violenza invitando i principi tedeschi a reprimere senza pietà le rivolte (Vedi Münzer, Thomas).
I contadini furono sconfitti nel 1525, ma la frattura tra cattolici e protestanti si approfondì. Si raggiunse un compromesso con la Dieta di Spira del 1526, in cui, ai principi tedeschi che lo avessero desiderato, venne riconosciuto il diritto di abbracciare il luteranesimo; durante la seconda Dieta di Spira, convocata tre anni più tardi, la maggioranza cattolica abrogò l’accordo, la minoranza luterana protestò e venne quindi definita “protestante”; i primi protestanti furono dunque luterani, e il significato del termine venne poi esteso fino a comprendere tutte le sette cristiane discese dalla rivolta contro Roma.
Nel 1530 Melantone, studioso tedesco e riformatore religioso, tracciò una sintesi conciliante delle tesi luterane, la confessione di Augusta, che fu presentata all’imperatore Carlo V e al gruppo cattolico. Non riconciliò cattolici e luterani, ma rimase la base della Chiesa e del credo luterani. In seguito, una serie di guerre con la Francia e con i turchi impedì a Carlo V di volgere le forze militari contro i luterani, ma nel 1546 l’imperatore fu libero da impegni internazionali e, alleatosi col papa e con l’aiuto del duca Maurizio di Sassonia, fece guerra contro la lega di Smalcalda, alleanza difensiva di principi protestanti. Le forze cattoliche furono all’inizio vittoriose. In seguito, però, il duca Maurizio passò al fronte luterano e Carlo V fu obbligato alla pace. La guerra civile religiosa terminò con la pace di Augusta nel 1555. Questa stabiliva che ciascun governante degli stati tedeschi, che ammontavano a circa trecento, scegliesse tra cattolicesimo e luteranesimo, e imponesse ai sudditi la fede scelta. Da allora circa la metà della popolazione tedesca è luterana ed ebbe fine l’unità religiosa dell’Europa occidentale sotto l’autorità del papa.
Scandinavia
Nei paesi scandinavi la Riforma avvenne pacificamente, con l’appoggio dei governi monarchici di Danimarca e Svezia. Nel 1536 a Copenhagen un’assemblea nazionale abolì l’autorità dei vescovi cattolici in Danimarca e nelle terre a essa soggette, Norvegia e Islanda; il re Cristiano III invitò il riformatore Johann Bugenhagen a organizzare una Chiesa nazionale luterana in Danimarca. In Svezia i fratelli Olaus e Laurentius Petri capeggiarono il movimento favorevole all’adozione del luteranesimo come religione di stato. Questo mutamento importante avvenne nel 1529 con il sostegno del re Gustavo I Vasa e per decisione della Dieta di Svezia.
Svizzera

Il primo movimento riformatore svizzero, contemporaneo alla Riforma tedesca, fu guidato dal pastore svizzero Ulderico Zwingli, divenuto celebre nel 1518 per la sua vigorosa denuncia della vendita delle indulgenze. Zwingli, che, analogamente a Lutero, considerava la Bibbia l’unica fonte dell’autorità morale, espresse la propria opposizione pubblicamente. A Zurigo, dal 1523 al 1525, fece abolire quanto restava delle pratiche cultuali e liturgiche cattoliche, tranne una versione semplificata della comunione; questi provvedimenti, con i quali la città si separava dalla Chiesa cattolica, vennero adottati legalmente, grazie ai voti del Consiglio cittadino di Zurigo. Altre città svizzere, come Basilea e Berna, adottarono riforme simili; le zone agricole rimasero invece cattoliche dal momento che, come in Germania, l’autorità politica centrale era troppo debole per imporre un’uniformità confessionale e prevenire una guerra civile. Scoppiarono due conflitti di breve durata tra cantoni cattolici e protestanti nel 1529 e nel 1531. Nel secondo, a Kappel, Zwingli venne ucciso. Raggiunta la pace, si consentì a ciascun cantone di scegliere la propria religione.
In seguito, la principale figura di riformatore fu Giovanni Calvino, teologo protestante francese che, per fuggire le persecuzioni religiose, nel 1536 si stabilì nella repubblica di Ginevra, da poco indipendente. Calvino rese esecutivi i provvedimenti di riforma adottati precedentemente dal concilio di Ginevra ed esercitò una pressione politica in direzione di riforme ulteriori. L’organizzazione calvinista della Chiesa era democratica e accoglieva elementi di governo rappresentativo: pastori, insegnanti, presbiteri e diaconi erano eletti da membri della comunità.
Benché Chiesa e stato fossero teoricamente separati, essi cooperavano così strettamente che Ginevra era di fatto una teocrazia. Per imporre la disciplina morale Calvino istituì una rigida ispezione della condotta domestica e organizzò un consiglio, composto da pastori e laici, dotato di ampi poteri coattivi sulla comunità. Furono prescritti minuziosamente abbigliamento e comportamento, vietati danza, giochi d’azzardo e altri svaghi; bestemmia e oscenità venivano puniti severamente, e chi non si conformava veniva perseguito e persino messo a morte. Per favorire la lettura e la comprensione della Bibbia, a tutti i cittadini veniva impartita almeno un’istruzione elementare. Nel 1559 Calvino fondò a Ginevra un’università che divenne famosa per la formazione di pastori e insegnanti. Le grandi doti organizzative di Calvino, la sua influenza sull’educazione e l’ampia circolazione dei suoi scritti furono all’origine del peculiare carattere che emergeva tanto nella struttura istituzionale quanto nella teologia, delle “Chiese riformate”, nome collettivo che designa le Chiese protestanti in Svizzera, Francia e Scozia.
Francia
La Riforma in Francia ebbe inizio da un nucleo di mistici e umanisti che al principio del XVI secolo si incontravano a Meaux vicino a Parigi sotto la guida di Lefèvre d’Etaples. Come Lutero, Lefèvre d’Etaples studiò le lettere di san Paolo e ne ricavò il principio della giustificazione in virtù della sola fede individuale; negò inoltre la dottrina della transustanziazione. Nel 1523 tradusse tutto il Nuovo Testamento in francese. In principio i suoi scritti furono accolti favorevolmente dalle autorità religiose e civili, ma, dopo la diffusione delle dottrine luterane in Francia, l’opera di Lefèvre d’Etaples fu assimilata a esse; egli e i suoi discepoli furono quindi perseguitati. Molti autorevoli riformatori francesi ripararono in Svizzera, dove si accrebbero numericamente, attingendo nella dottrina alla riforma calvinista. Più di 120 pastori istruiti da Calvino a Ginevra tornarono in Francia prima del 1567 per diffondere il protestantesimo; nel 1559 i delegati di 66 Chiese protestanti si incontrarono a Parigi in un sinodo nazionale per formulare una professione di fede e una norma disciplinare plasmate su quelle ginevrine.
In questo modo si organizzò la prima Chiesa protestante di Francia; i suoi membri, chiamati ugonotti (non è ben nota l’origine della parola), vennero a costituire un folto gruppo; la divisione fra cattolici e protestanti condusse tuttavia a lunghe guerre civili (1652-1698). Uno degli episodi più noti di questa lotta fu la notte di san Bartolomeo, in cui fu massacrato un gran numero di protestanti. Sotto Enrico IV, sovrano protestante, gli ugonotti trionfarono per un breve periodo, ma poiché Parigi e oltre il 90% dei francesi rimasero cattolici, il re giudicò vantaggioso convertirsi al cattolicesimo, proteggendo però gli ugonotti e proclamando nel 1598 l’editto di Nantes che garantiva ai protestanti una certa libertà. L’editto fu però revocato nel 1685.
Paesi Bassi
Nei Paesi Bassi il protestantesimo fu accolto favorevolmente dalla colta e potente borghesia che si era formata sin dal Medioevo. L’imperatore Carlo V tentò di arrestare la diffusione delle dottrine protestanti bruciando i libri di Lutero e istituendo l’Inquisizione nel 1522. Questi provvedimenti non sortirono, però, effetti rilevanti: alla metà del secolo XVI il protestantesimo si era affermato nelle province settentrionali, note come Olanda; le province meridionali (attualmente Belgio) rimanevano prevalentemente cattoliche. La maggioranza degli olandesi abbracciò il calvinismo, che ebbe la funzione di forza di aggregazione nel corso della lotta contro i dominatori cattolici, gli spagnoli. La ribellione esplose nel 1568 e il conflitto si protrasse fino al 1648, quando la Spagna, con la pace di Vestfalia, rinunciò a qualsiasi pretesa sul paese. I Paesi Bassi divennero una nazione protestante indipendente.
Scozia

In Scozia, come in altri paesi, la Riforma si diffuse entro un contesto sociale già parzialmente ostile alla Chiesa di Roma. Qui, alla scarsa stima nei confronti del clero cattolico si aggiunse la presenza importante di gruppi di lollardi e di seguaci delle dottrine di John Wycliffe. Mercanti e nobiltà minore furono particolarmente attivi nel sostenere la Riforma scozzese tanto come veicolo per l’autodeteminazione nazionale e l’indipendenza da Inghilterra e Francia, quanto per il suo aspetto religioso; il protestantesimo, pertanto, si diffuse rapidamente, nonostante le misure repressive adottate dalla monarchia. Il primo movimento riformatore ebbe carattere luterano; la rivoluzione vera e propria, avvenuta sotto la guida del riformatore religioso John Knox, discepolo di Calvino, impose il calvinismo come religione nazionale. Nel 1560 Knox persuase il parlamento scozzese ad adottare una professione di fede e un manuale di disciplina modellati su quelli ginevrini. Il parlamento in seguito creò la Chiesa presbiteriana scozzese e ne affidò il governo a riunioni della Kirk (la parola scozzese che significa “chiesa”) locale e a un’assemblea generale in rappresentanza delle Chiese locali di tutto il paese. Maria Stuart, la regina cattolica di Scozia, tentò di abbattere la nuova Chiesa protestante, ma dopo sette anni di lotte dovette lasciare il paese; così il cattolicesimo rimase forte solo in pochi distretti settentrionali, specialmente tra le famiglie nobili.
Inghilterra
In Inghilterra la rivolta contro Roma fu diversa da quella degli altri paesi per due motivi. In primo luogo, l’Inghilterra era una nazione compatta con un forte governo centrale; la rivolta fu nazionale; re e parlamento agirono di concerto per trasferire al re la giurisdizione ecclesiastica appartenuta precedentemente al papa. In secondo luogo, la rottura politica avvenne prima della riforma religiosa, in conseguenza della decisione di Enrico VIII di divorziare dalla prima moglie, e i mutamenti dottrinali si ebbero successivamente sotto i regni di Edoardo VI ed Elisabetta I.
Dopo il matrimonio con Anna Bolena e il divorzio da Caterina, Enrico fu scomunicato dal papa e nel 1534 reagì facendo approvare al parlamento un atto che nominava lui e i suoi successori capi supremi della Chiesa inglese, stabilendo così una Chiesa indipendente anglicana. Una legislazione successiva abolì l’autorità politica e religiosa del papa in Inghilterra. Tra il 1536 e il 1539 i monasteri vennero soppressi e le loro proprietà acquisite dal re. Enrico non aveva interesse a spingersi oltre a questi mutamenti, motivati da considerazioni politiche più che dottrinali. Anzi, per prevenire la diffusione del luteranesimo, ottenne dal parlamento nel 1539 un corpus di editti severi che giudicavano eretica (Vedi Eresia) la negazione dei principali contenuti teologici del cattolicesimo medievale. L’obbedienza al papato, però, venne considerata un crimine; molti luterani furono arsi vivi come eretici e i cattolici che rifiutarono di riconoscere la supremazia ecclesiastica del re furono giustiziati.
Edoardo VI ammise l’introduzione nella Chiesa anglicana delle dottrine e delle pratiche protestanti respinte da Enrico VIII. Nel 1549 fu pubblicato un completo Book of Common Prayer (Libro di preghiera) in inglese per conferire uniformità cultuale alla Chiesa anglicana, e il suo uso fu imposto per legge. Un secondo apparve nel 1552; fu adottato un nuovo credo in 42 articoli. Maria I Tudor tentò di restaurare il cattolicesimo come religione di stato: sotto il suo regno numerosi protestanti finirono al rogo, altri si rifugiarono all’estero. Una sistemazione definitiva si raggiunse sotto Elisabetta I nel 1563, con la restaurazione del protestantesimo e la persecuzione dei cattolici. I 42 articoli del credo anglicano passarono agli attuali 39. Questo credo è protestante e più vicino al luteranesimo che al calvinismo, ma l’organizzazione episcopale e la liturgia sono sostanzialmente le stesse della Chiesa cattolica. Al tempo della regina Elisabetta quanti non giudicavano sufficientemente riformata la Chiesa d’Inghilterra formarono sette di matrice calvinista come presbiteriani, puritani e quaccheri.
Sette minori
Oltre alle tre grandi Chiese – luterana, riformata e anglicana – create dalla Riforma, nacque anche un ampio numero di piccole sette basate sul rifiuto dell’autorità tradizionale e sull’esaltazione del giudizio individuale. Una delle più importanti, quella degli anabattisti, trovò molti aderenti in Europa, specialmente in Germania, dove acquistò importanza nel corso della rivolta dei contadini. Furono perseguitati tanto da cattolici, quanto da luterani, zwingliani e altri protestanti. Gli unitariani ebbero numerosi seguaci in Svizzera, Germania, Paesi Bassi e Polonia.
Esiti della Riforma
Malgrado le discrepanze confessionali fra le varie forze rivoluzionarie del XVI secolo, in Europa la Riforma ebbe conseguenze ampiamente omogenee. In generale, il potere e la ricchezza della nobiltà feudale e della gerarchia cattolica passarono alle classi medie e ai monarchi. Varie regioni europee raggiunsero indipendenza politica e religiosa. Anche in paesi nei quali continuò a prevalere il cattolicesimo (Francia e Belgio) sul terreno politico-culturale si svilupparono individualismo e nazionalismo. L’importanza riconosciuta al giudizio individuale favorì lo sviluppo di governi democratici; l’eliminazione delle tradizionali restrizioni religiose su commercio e operazioni finanziarie aprì la strada alla nascita del capitalismo moderno. Durante la Riforma fecero grandi progressi le lingue e le letterature nazionali per l’ampia diffusione di opere religiose scritte nella lingua locale e non in latino, mentre l’istruzione popolare fu incrementata grazie alle nuove scuole fondate da John Colet in Inghilterra, Calvino a Ginevra e dai principi protestanti in Germania. Non per questo, tuttavia, scomparve l’intolleranza religiosa, e tutti gli schieramenti continuarono a perseguitarsi l’un l’altro per almeno un secolo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: