La grande motrice

Anche se in genere non ce ne rendiamo conto, la paura è la molla che muove la maggior parte delle nostre azioni.

La paura determina i nostri atteggiamenti perché ci condiziona la mente. Il nostro agire ne è la diretta conseguenza. La maggior parte della gente non sarà d’accordo su questo. “Io aver paura? Ma neanche per sogno! E di che, poi? Io non ho paura di niente”: questo è ciò che dice chiunque, se gli si dicesse che il suo comportamento è generato dalla paura.

Se sei un tipo geloso, certamente giustificherai la tua gelosia facendola apparire come una caratteristica o una conseguenza dell’amore. Non è piuttosto la paura di perdere la persona amata? La paura che qualcun altro te la porti via? O la consapevolezza che, restando solo, ti sentirai impoverito, inadeguato a proseguire la tua strada? Se invece sei una persona che dà molta importanza al denaro, sei convinto che questo è il solo modo per garantire una vita felice e comoda alla tua famiglia. Può darsi invece che sia la paura di non essere all’altezza di dare felicità ai tuoi cari con poco, e hai bisogno di sopperire a questa insufficienza spirituale colmandoli di agi.

Se sei troppo sicuri di te, portato a comandare, forse hai paura di non essere rispettato abbastanza dagli altri se ti mostri come sei in realtà, con le tue debolezze e coi tuoi dubbi. Se invece sei troppo timido e ti lasci facilmente dominare, può indicare che la tua paura di essere lasciato da parte ti fa accettare tutto, anche i soprusi, pur di essere accolto nella società dei tuoi simili.

Se esaminiamo in profondità ogni caratteristica dell’atteggiamento umano, vedremo che la paura è la grande motrice che ci crea un mondo immaginario. Per potercene liberare, essere veramente noi stessi e vivere nella realtà, è necessario anzitutto accettarla con umiltà.

Dire: “Sì, è vero, ho paura”. Dopo di che potremo cominciare a vedere l’inganno che noi stessi ci siamo creati per darci una sicurezza fittizia.

Ci accorgeremo allora che non abbiamo bisogno di essere gelosi per mantenere l’amore, se è sincero da ambedue le parti; non sarà necessario logorarci per guadagnare sempre di più, quando ciò che i nostri cari vogliono è il nostro tempo, il nostro affetto e la nostra disponibilità.

Vediamo l’inganno su cui abbiamo impostato la nostra vita e osiamo ammettere le nostre debolezze.

Non temiamo il disprezzo degli altri: anche loro sono degli agnelli spaventati come noi. Se riusciamo a trovare il coraggio di mostrarci a loro come veramente siamo, è probabile che anche loro lascino cadere la maschera.

Annunci

Tag: , ,

Una Risposta to “La grande motrice”

  1. Rossana Says:

    .La paura é una condanna!
    Che rende l’uomo schiavo da soggetti
    meschini e affamati di potere .
    Ma!…..Se è vero che Dio dall’alto !
    vede ogni cosa !
    Allora! ……… Abbiate coraggio !
    Perché non è mai detta l’ultima parola !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: